RICOSTRUZIONE SISMA 2016

Cos'È​

LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI DEI COMUNI DELLE REGIONI DI ABRUZZO, LAZIO, MARCHE E UMBRIA INTERESSATI DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI A FAR DATA DAL 24 AGOSTO 2016, RICOMPRESI negli allegati 1 e 2, AI SENSI DELLA L. 15 dicembre 2016, n. 229. È FINANZIATA DALLO STATO ITALIANO CON CONTRIBUTI PUBBLICI EROGATI PER FAR FRONTE ALLE PRESTAZIONI TECNICHE ED AI LAVORI NECESSARI PER INTERVENTI DI RIPARAZIONE, RIPRISTINO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DEGLI IMMOBILI DANNEGGIATI.​

Vuoi ricostruire o riparare la tua casa o azienda?

Argomenti Correlati​

Tali misure possono applicarsi, altresi', in riferimento a immobili distrutti o danneggiati ubicati nelle Regioni interessate, in Comuni diversi da quelli indicati negli allegati 1 e 2, su richiesta degli interessati dimostrando il nesso di causalita' diretto tra i danni ivi verificatisi e gli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, comprovato da apposita perizia asseverata.

 

I contributi,  fino  al  100  per cento delle spese occorrenti, sono  erogati  per  far  fronte  alle seguenti tipologie di intervento  e  danno  conseguenti  agli  eventi sismici:
    a) riparazione, ripristino  o  ricostruzione  degli  immobili  di edilizia abitativa e ad uso  produttivo  e  per  servizi  pubblici  e privati,   e   delle   infrastrutture,   dotazioni   territoriali   e attrezzature pubbliche distrutti o danneggiati, in relazione al danno effettivamente subito;
    b) gravi danni a scorte e beni mobili strumentali alle  attivita' produttive,   industriali,   agricole,   zootecniche,    commerciali, artigianali, turistiche, professionali, ivi comprese quelle  relative agli  enti   non   commerciali,   ai   soggetti   pubblici   e   alle organizzazioni,  fondazioni  o  associazioni   con   esclusivo   fine solidaristico o sindacale, e di servizi, inclusi i  servizi  sociali, socio-sanitari  e   sanitari,   previa   presentazione   di   perizia asseverata;
    c) danni economici subiti da prodotti  in  corso  di  maturazione ovvero di stoccaggio ai sensi del regolamento (UE) n.  1151/2012  del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21  novembre  2012,  relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e  delle  denominazioni d'origine dei prodotti agricoli e alimentari, previa presentazione di perizia asseverata;
    d) danni alle strutture private  adibite  ad  attivita'  sociali, socio-sanitarie e socio-educative, sanitarie, ricreative, sportive  e religiose;
    e) danni agli edifici privati di interesse storico-artistico;
    f) oneri sostenuti dai soggetti che abitano in locali  sgomberati dalle  competenti  autorita',  per   l'autonoma   sistemazione,   per traslochi, depositi, e per l'allestimento di alloggi temporanei;
    g)  delocalizzazione  temporanea  delle  attivita'  economiche  o produttive e dei servizi pubblici danneggiati dal sisma  al  fine  di garantirne la continuita';
    h) interventi sociali  e  socio-sanitari,  attivati  da  soggetti pubblici, nella fase dell'emergenza, per le persone impossibilitate a ritornare al proprio domicilio;
    i)  interventi  per  far  fronte  ad  interruzioni  di  attivita' sociali, socio-sanitarie e socio-educative di soggetti pubblici,  ivi comprese le aziende pubbliche di servizi  alla  persona,  nonche'  di soggetti privati, senza fine di lucro.

I contributi di cui alle lettere a), b), c), d),  e)  e  g)  sono erogati, con le modalita' del  finanziamento  agevolato, assistito con garanzia dello Stato, sulla base di stati di avanzamento lavori relativi all'esecuzione dei lavori, alle prestazioni di  servizi  e  alle  acquisizioni  di  beni necessari all'esecuzione degli interventi ammessi a contributo.

 

I soggetti privati possono conferire l'incarico per la ricostruzione o riparazione e ripristino degli immobili danneggiati dagli eventi sismici esclusivamente a professionisti iscritti nell'elenco speciale dei professionisti abilitati (DL 189/2016 art. 34 comma 2);